Attenta alle Barbie

Un paio di mesi fa, un’amica mi disse che di tanto in tanto si concede la visione di un film come terapia. Lo stesso a cui ricorro anch’io. Non vorrei pensasse che io adesso le stia rubando le parole; semmai, voglio omaggiare quella passione comune. Pur io, nei momenti peggiori, quando ho bisogno di relax e di dimenticarmi di tutti gli impegni quotidiani, metto su, come lei, il dvd di Mean Girls. E rido. Ma tanto.

CATTIVA

Mean Girls è uno di quei film a cui forse non daresti un soldo prima di vederlo, e magari te lo vedi pure ma con la convinzione che presto o tardi crescerai, e non lo guarderai mai più. Sbagliato. Mean Girls è una commedia sul mondo degli adolescenti, le ragazze, la scuola e tutta quella roba da teenager che gli adolescenti stessi stanno a guardare come si guarda qualcosa che ti tocca da vicino, ma che dopo i 20 anni apprezzi ancora di più. Non è un film generazionale, di quelli che andavano bene soltanto per chi nel 2004 era ancora al liceo, perché funziona anche oggi che è passato più di un decennio. E di una cosa sono sempre stato convinto: Mean Girls è un prodotto assolutamente brillante, intelligente, finemente sarcastico e realistico, pure per chi ha vissuto la giovinezza dall’altra parte dell’Oceano, checché ne pensino gli scettici e gli snob.

PIÙ CATTIVA

Sembra fatto apposta per assomigliare ad un sapiente documentario sulla vita delle ragazze alla conquista del mondo, reginette di primavera ed aspiranti tali dietro i banchi di scuola, ma arricchito di tanta riuscitissima ironia. Dovete provare a immaginare cosa succede quando una sedicenne venuta dall’Africa mette piede per la prima volta nella società decivilizzata dei giovani arrapati, delle stronzette inciucesse e invidiose e della corsa alla popolarità: si può riuscire a rimanere immacolati o si rimane intrappolati nella rete di meschinità e pettegolezzi delle bambole laccate in minigonna?

CATTIVISSIMA

 Non ho dubbi, la scrittura è magistrale. Tina Fey (qui anche attrice) ha fatto un ottimo lavoro. Lindsay Lohan era la più promettente protagonista che si potesse desiderare per questa cult comedy prima che la sua promessa si infrangesse al suolo, Rachel McAdams era già perfetta ai primissimi passi, Amanda Seyfried nel suo ruolo d’esordio rivelava un talento comico che probabilmente nessuno ha più saputo sfruttare, e si dovrebbero menzionare anche Lizzy Caplan, Daniel Franzese, Amy Poehler, Lacey Chabert tutti in perfetta armonia, fino alle semplici comparse che fanno divertire pure loro. Potrei andare avanti a lungo ricordando ogni singola scena e ogni singola battuta, ma ce ne sono troppe memorabili. Mean Girls mette davvero le tue mascelle fuori combattimento. Per questo sono certo che, la prossima volta che lo rivedrò, riderò ancora. Tanto.

VOTO: 10

Annunci

2 commenti

  1. Wow, pensavo di aver visto quasi tutto il panorama “film-da-due-soldi-teen-movie-liceali-stupidi” che fosse comparso di qua dal mare, ma evidentemente ho perso un pezzo forte! Devo vederlo subito!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...