Cose che ti influenzano per tutta la vita #13

Chocolat è un film che avrò visto almeno cinque volte per metà, fermandomi sempre all’incirca dopo il primo tempo, per una ragione o per un’altra. Ogni volta mi chiedevo quando sarebbe apparso Johnny Depp e che ruolo avrebbe avuto. Mi domandavo cosa non avrebbe preparato Juliette Binoche in quella fantastica cioccolateria peccaminosa di provincia, in quel paradiso del gusto che in paese nessuno le perdona. Poi è arrivato il momento in cui l’ho visto per intero, una, due, tre volte, un piacevolissimo film che si lascia apprezzare pur nella sua semplicità.

Mi ritrovo adesso a constatare che nella mia mente, più di Juliette Binoche e del vagabondo Depp, più della bambina e del suo amico immaginario, più di Judi Dench seduta al bancone mentre sorseggia una cioccolata calda, più di ogni altra cosa insomma, è rimasto il conte De Reynaud. L’odioso e intollerante conte di Alfred Molina, avverso ai piaceri della carne e del palato. Mi è capitato di passare davanti ad una cioccolateria e di fermarmi a pensare a tutte le cose deliziose e zuccherose che potrei comprarvi, e poi mi è apparso davanti agli occhi il conte che s’intrufola nel negozio, mette a soqquadro la vetrina e lascia che le pupille si abbandonino a un delirio di bontà.

Ecco, per quel minuto lì l’ho invidiato, e mi sono immaginato nella stessa situazione. Voglio provare anch’io a sdraiarmi tra la cioccolata e appisolarmi lì, con il cacao sparso su tutta la faccia e il sapore ancora fresco nella bocca. Ho solo il sospetto che i proprietari con me non sarebbero tanto indulgenti.

chocolat_alfred_molina

Annunci

10 commenti

  1. Io ho dorato questo film, ne ho una vhs a casa in Puglia che vedevo spesso e lo rivedevo anche quando lo proponevano in tv… ora, dopo aver letto il tuo post, mi sono accorta che da quando vivo nel lazio, cioè quasi 4 anni, non l’ho più guardato, neanche in streaming. Eppure ho talmente adorato il film, da aver acquistato anche il libro, che ovviamente preferisco. Nel libro si da più spazio al tormento interiore di Vianne, che vive nell’unico modo in cui la madre l’ha cresciuta e che vuole imporre lo stesso stile alla figlia Anouk, la quale si ribella… e dove Reynaud è il prete, non il conte ed il rapporto con Roux non finisce bene e non è così da favola, come fanno vedere nel film… ai giorni d’oggi la definiremmo trombamicizia.

    Liked by 1 persona

      • ok, prepara schifezzoidi e Pepsi gelata e vengo a vederlo. Neanch’io all’epoca lo sapevo… lo trovai spulciando nell’unica libreria del mio paese. Negozio minuscolo… pensa al tuo bagno… ecco hai un’idea delle dimensioni… dove il libri sono una moltitudine, tanto da riempire ogni scaffale fino al soffitto, ma trovi anche numerose pile di libri per terra. Rovistando tra quelli per terra lo trovai… ed io adoro leggere un libro, dopo aver visto un film (se faccio il contrario, come per le saghe, poi resto irrimediabilmente delusa), così lo acquistai ad occhi chiusi, senza leggerne la trama… fui particolarmente sorpresa delle differenze.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...