Cinquanta sbavature di nero

Marlon Wayans è rimasto solo. I fratelli a un certo punto hanno deciso di gettare la spugna, ma lui no. Lui continua imperterrito sulla strada delle parodie, incurante del fatto che ormai non facciano ridere quasi più nessuno.

Nel chiedermi il perché di tanta ostinazione, mi sono detto che forse i numeri sono dalla sua parte, e come un bravo scolaretto sono andato a controllare: Cinquanta sbavature di nero ha incassato in America poco più di 18 milioni di dollari. Il triplo rispetto al budget di produzione, appena 5 milioni, ma comunque poco.

maxresdefaultVero è che era praticamente impossibile fare peggio dell’originale, e per quanto parodiare Cinquanta sfumature di grigio sia un po’ come sparare sulla Croce Rossa, i produttori devono aver pensato che il risultato fosse garantito.

In effetti la formula è un po’ cambiata, da quando 15 anni fa si dilettavano con Scary Movie. Il tono generale sembra essere meno demenziale del solito, per quanto restiamo su livelli di imbecillità altissimi; i film che entrano nel mirino dello sberleffo si limitano a due o tre, di cui solo uno è la costante invariabile di tutta la trama, il famigerato capolavoro della bruttezza cinematografica che tutti ormai conosciamo. Mancano anche nomi famosi e comparsate di richiamo, eccezion fatta per l’insolita presenza di Jane Seymour. Neanche la Carmen Electra di turno ha fatto un passaggio davanti alla telecamera.

Per il resto, che vi devo dire, la salsa è sempre quella: un intero copione scritto a forza di scurrilità a sfondo sessuale e battute sulla merda, che già dopo pochi minuti suonano ripetitive, figurarsi dopo anni e anni di cineparodie riuscite o meno.

maxresdefault1Forse il problema sta proprio nella scelta di concentrare tutte le forze su un unico obiettivo, laddove un insieme più vasto di pellicole e personaggi da schernire manteneva il ritmo più vivace e evitava la ripetitività. Pochi sono gli spunti divertenti, e il resto è banalità. Si potrebbe concludere con le parole del critico inglese Mark Kermode, poche ma semplici: «It’s just not funny».

VOTO: 4

Annunci

6 pensieri su “Cinquanta sbavature di nero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...