Alice attraverso lo specchio e quel che non abbiamo trovato

Sei anni sono passati da quando l’Alice di Lewis Carroll approdò l’ultima volta al cinema, in quella scommessa vinta solo a metà che fu Alice in Wonderland: esperienza godibile per la vista, ma narrativamente imperfetta.

videothumbnail_alicethroughthelookingglass_trailer_disn_969726caEccoci qui, sei anni dopo, a tentare quantomeno di mantenere il livello raggiunto con l’esperimento precedente. Intanto Tim Burton è passato dal ruolo di regista a quello di produttore, ed è uno dei pochi cambiamenti significativi che si siano registrati tra un film e l’altro. Tra questo film e il libro che dovrebbe esserne d’ispirazione, invece, di cambiamenti ce ne sono stati a bizzeffe.

Alice attraverso lo specchio prende dall’omonimo testo poco più che il titolo, sbarazzandosi di trama, ambientazioni e personaggi. Non che un film debba essere necessariamente il ritratto fedele del libro, sappiamo tutti che cinema e letteratura non sono la stessa cosa; il fatto che il materiale lasciatoci dall’autore sia stato deliberatamente scartato dovrebbe però far pensare che agli sceneggiatori sia venuta in mente un’idea migliore.

L’idea in questione è che il Cappellaio sia diventato più suonato del solito nel momento in cui si è messo in testa che la sua famiglia è ancora viva, e trovarla potrebbe servire a salvare la sua stessa vita. Ma cercare la sua famiglia costringerà Alice a una corsa contro il tempo, ed è proprio il Tempo che dovrà ingannare per tornare indietro negli anni e salvare i parenti del Cappellaio.

xxl_alice20through20the20looking20glass-970-80Il Tempo rappresenta l’unica new entry nel cast che già conosciamo, affidato ad un Sacha Baron Cohen che dopo un po’ non diverte più e che, purtroppo, non può reggere su di sé tutto il peso della fame di novità di noi spettatori. Il suo castello, i suoi buffi assistenti e la sfera che permette di viaggiare nel tempo si scontrano con una Regina Rossa intenta a spodestare la sorella dal trono e tutto quanto abbiamo già visto.

L’effetto della ripetizione fa sembrare Anne Hathaway troppo stucchevole e Helena Bonham Carter troppo poco temibile, il Cappellaio Matto fagocita sempre più spazio a discapito degli altri pur meritevoli personaggi e finisce col diventare noioso, e la trama di questo secondo adattamento si rivela per quello che è, nulla di più di un comunissimo fantasy per bambini. Potete immaginare la delusione.

La storia di Alice non è cosa da essere raccontata con leggerezza: il cartone era riuscito nell’intento perché aveva saputo interpretare la follia che aleggia sul Paese delle Meraviglie e lo spirito dei suoi protagonisti con tutte le loro adorabili imperfezioni, Alice compresa.

alice-through-the-looking-glass

Questo è quel che è accaduto sei anni dopo, la magia che era scaturita dal genio di Carroll è diminuita sempre di più fino a scomparire, il senso di un percorso di formazione s’è perso del tutto, e mi è rimasta ancora più forte di prima la sensazione che Mia Wasikowska non fosse adatta al ruolo.

Allora, mi chiedo, non erano meglio gli scacchi, Humpty Dumpty (qui ridotto a un cameo), i fiori parlanti e tutto il resto? Se tanto mi dà tanto, a questo punto non dovremmo avere un sequel. Sarebbe meglio. Chiudiamola qui.

VOTO: 4

1464050037305

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...