2014 MTV Video Music Awards, tra performance mozzafiato, famiglie in primo piano e comicità inappropriata

Qualcuno, prima o poi, dovrà spiegarmi certa comicità americana, tanto eccessiva, un po’ volgare, di quella che anima le serate mondane di MTV tipo gli ultimi Video Music Awards. Tante star, grandi nomi della musica e dello spettacolo tutti concentrati al Forum di Inglewood in California, per celebrare il meglio del meglio dei videoclip degli ultimi 12 mesi. Secondo loro, ovviamente. Gli americani in fatto di gusti non sono sempre e del tutto uguali a noi, e lo dimostrano ogni anno con questi premi. Mi resta sempre un po’ l’amaro in bocca nel constatare che raramente a vincere è davvero il miglior video della categoria. Quel che non capisco, in particolare, sono i criteri di selezione. Faccio un esempio: se Chandelier di Sia è tanto bello da concorrere per il miglior video dell’anno (e Ariana Grande, Lorde, e Katy Perry no), com’è che non viene nominato anche per il miglior video femminile (e le altre tre invece sì)? Cos’è cambiato da una categoria all’altra? Va’ a saperlo.

                      

Non parliamo poi delle allusioni sessuali. Praticamente si sprecano. Non che uno voglia mettersi a fare il bigotto, il fatto è che una battuta dopo l’altra uno si stanca pure, e dopo anni che le cose vanno avanti in questo modo non riescono manco più ad essere divertenti. A questo punto la vera trasgressione sarebbe parlare del tempo e di cosa hanno mangiato la sera prima. 

Sta di fatto che quando si tratta di organizzare uno spettacolo, gli americani sanno il fatto loro, nel senso che ci danno dentro per mettere su lo show più spettacolare che si sia mai visto. Vale la pena di sintonizzarsi sul canale solo per ascoltare queste performance dal vivo. Stupefacente Ariana Grande in apertura, che dimostra quanta potenza di voce sia racchiusa in un corpo così piccino, in compagnia della sempre più quotata Nicki Minaj e dell’altrettanto brava Jessie J: insieme a presentare le loro ultime fatiche da soliste e in collaborazione, l’esplosiva Bang Bang. Sempre più frizzante, fresca e simpatica Taylor Swift nella sua ultima veste più solare; toccante Sam Smith, accompagnato dal pianoforte per cantare Stay With Me; all’altezza delle aspettative i Maroon 5 con la loro Maps ad infuocare il pubblico all’esterno dell’auditorium, fenomenale l’accoppiata Iggy Azalea/Rita Ora nella live version di Black Widow, già in cima alle classifiche e hit garantita del prossimo autunno. Usher (in compagnia della prezzemolina Nicki Minaj) invece sembra aver puntato tutto sulla coreografia piuttosto che sull’esibizione vocale, ma è talmente tanto bravo quando balla che gli si perdona tutto. Ma la migliore della serata, è stata senza dubbio Beyoncé.

La stella dell’RnB si è esibita in un medley si canzoni dell’ultimo album, e più andava avanti più mi chiedevo come facesse ogni volta a superare se stessa. La risposta non l’ho ancora trovata, ma sembra davvero che Beyoncé riesca a dar vita anno dopo anno a qualcosa di unico, spostando il limite sempre più in alto e diventando praticamente impossibile da raggiungere. Stonava soltanto la presenza del marito Jay-Z con la figlia in braccio che biascicava dei complimenti al microfono alla madre mentre stavano tutti e tre sul palco, lui per consegnarle il Michael Jackson Video Vanguard Award, e lei per riceverlo. Sarà stata forse una trovata per smentire le dicerie di quest’estate sulla loro rottura e mostrare al pubblico che sono più uniti che mai? Può darsi, ma tutto questo sbatterci in faccia la loro vita privata m’è sembrato fuori luogo. Poteva dimostrare più classe ignorando i pettegolezzi e andando avanti per la sua strada con la sua famiglia. Vabbé, comunque tanto di cappello.

Molti volti noti anche tra i presenters della serata, con i redivivi Gwen Stefani (sempre un piacere vederla) e Jim Carrey (sempre più cretino), tra l’altro in coppia col compagno di set Jeff Daniels. Solo avrei voluto che qualcuno gli dicesse che se sono lì per introdurre la performance di un collega, non è carino approfittare del palco per promuovere il proprio disco o tour (vedi alla voce Jennifer Lopez o Jason Derulo). Tra di loro anche Jay Pharoah, personaggio comico del Saturday Night Live diventato famoso grazie alle sue imitazioni di Jay-Z, Kanye West e altri ancora. Non male. Anche se il premio per il più divertente va a Jimmy Fallon. Doveroso poi il tributo a Robin Williams. Ancora una volta sorprendente Miley Cyrus, che manda un senzatetto a ritirare il suo premio per il video dell’anno e lanciare un messaggio al mondo intero. 

Ultimo appunto: mi ha stupito che su 52 artisti nominati nelle varie categorie, ben 18 fossero stranieri (più 2 latino-americani). Se questa cifra vi sembra ancora poco, allora pensate che su 17 vincitori, sette venivano da Inghilterra, Francia, Germania, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Strano, perché una presenza così massiccia di “non americani” non l’avevo mai vista, specialmente tra i performers. Segno del fatto che l’America comincia a cambiare gusti in materia di video musicali? No, credo semplicemente che, tra tutti, abbiano scelto quelli più vicini ai loro canoni. 

 

Video of the Year:

Miley Cyrus Wrecking Ball

Best Male Video:

Ed Sheeran (con Pharrell Williams) – Sing

Best Female Video:

Katy Perry (con Juicy J) – Dark Horse

Best Pop Video:

Ariana Grande (con Iggy Azalea) – Problem

Best Rock Video:

LordeRoyals

Best Hip-Hop Video:

Drake (con Majid Jordan) – Hold On (We’re Going Home)

Best Collaboration:

Beyoncé (con Jay-Z)Drunk in Love

MTV Clubland Award:

Zedd (con Hayley Williams) – Stay the Night

Best Direction:

DJ Snake & Lil JonTurn Down For What (Registi: DANIELS)

Best Coreography:

SiaChandelier (Coreografo: Ryan Heffington)

Best Visual Effects:

OK GoThe Writing’s on the Wall (Visual Effects: 1stAveMachine)

Best Art Direction:

Arcade FireReflektor (Art Director: Anastasia Masaro)

Best Editing:

EminemRap God (Editor: Ken Mowe)

Best Cinematography:

BeyoncéPretty Hurts (Directors of Photography: Darren Lew e Jackson Hunt)

Best Video with a Social Message:

BeyoncéPretty Hurts

Artist to Watch:

Fifth HarmonyMiss Movin On

Best Lyric Video:

5 Seconds of SummerDon’t Stop

Michael Jackson Video Vanguard Award:

Beyoncé

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...